I sapori di Bruxelles: tra cioccolato e patatine fritte

Bruxelles mi ha piacevolmente affascinata: discretamente piccola da poter girare a piedi, piena di vita e di delizie da gustare.
Per le strade del centro è pieno di cioccolaterie: vendono sia praline ripiene di creme, sia giganti meringhe. Insomma non si può resistere alla tentazione di assaggiare il famoso cioccolato belga.

Tappa obbligatoria per un’appassionata di pasticceria come me è sicuramente il museo del cacao e del cioccolato: seppur piccolo e raccolto è stato molto interessante.
Si trova proprio vicino a Grand Place, il centro della città.

IMG_7591 copia

Un viaggio che inizia con la coltivazione del cacao dai Maya e dagli Aztechi, per poi passare all’importazione in Europa grazie a Cristoforo Comlobo.
Abbiamo potuto anche assaggiare le varie tipologie di cioccolato: sia in diverse percentuali, sia provenienti dai diversi paesi.
Per finire abbiamo assistito alla creazione delle praline da parte del maitre chocolatier, ovviamente seguita dall’assaggio.IMG_7588 copia

20150219_111950_1 20150219_112226_1 20150219_112611_1 20150219_112941_1 20150219_113247_1 20150219_113436

Un’altra cosa che va forte in Belgio è il fritto, principlamente le patatine fritte.
Si possono trovare in ogni angolo piccoli negozietti che vendono fritti di ogni genere e d’altro canto si vedono turisti passeggiare con il tipico cono di frites.

Abbiamo attraversato mezza città per arrivare fino a Maison Antoine descritto come il miglior fritto di Bruxelles. Effettivamente come dargli torto, dopo averlo assaggiato?

20150219_170054La particolarità è la doppia frittura: una prima frittura per lasciarle morbide dentro e la seconda per la croccantezza esterna.

Per non farci mancare nulla, siamo anche andati da Friteland e abbiamo preso la famosa Mitraillette: mezza baguette con due hamburger, insalata, cipolla caramellata, salse varie e patatine fritte a non finire. Inutile dire che quando siamo usciti di lì, anche noi avevamo preso un odore di fritto da non credere. Ma ovviamente ne è valsa la pena.

E per non farci mancare nulla, abbiamo assaggiato anche il mitico waffle.

20150218_151837

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...